::  IL  PRINCIPIO  BIOCENTRICO  :: 

 

di Rolando Toro / 1999

L'inizio di un millennio nella storia umana risveglia nell'inconscio collettivo la speranza di redenzione e di paura dell'apocalisse.

In realtà entrambe le aspettative possiedono un carattere magico e non si attengono alla nostra responsabilità interna nel processo di cambio.

Il futuro dipende esclusivamente dalla possibilità che si realizzi una trasformazione all'interno della nostra coscienza, scoprendo in noi stessi l'energia pura di connessione alla vita.

Il Principio Biocentrico propone la sacralità della vita.

Tutti gli obiettivi umani si debbono porre al servizio della conservazione della vita e a promuovere la sua ottimizzazione.

Il XX secolo, nonostante il meraviglioso progresso intellettuale, è stato il tempo dell'infamia. Non vi è mai stata così tanta violenza e malignità come in quest’epoca.

C'è mancata la tenerezza necessaria per l'evoluzione.

Il mondo è spiritualmente scisso.

Abbiamo conoscimenti meravigliosi, ma ci manca la saggezza.

Il Principio Biocentrico pone al centro della nostra attenzione la difesa della vita, la protezione dell'innocenza, il coltivare l'affettività.

Biodanza® è la poetica dell'incontro umano. L'incontro di razze e popoli differenti. L'incontro dell'ecologia con lo sviluppo. L'incontro della scienza con la danza, del rigore intellettuale con la complessità della vita.

Cerchiamo un modello di azione sociale nel quale l'economia si incontri con la coscienza etica e la politica con i Diritti Umani.

E' imprescindibile imparare a guardare noi stessi ed imparare a guardare negli occhi.

L'educazione deve incorporare urgentemente, assieme alla formazione intellettuale, nuovi parametri che stimolino l'affettività e l'energia pura di connessione alla vita.

Il Principio Biocentrico deve essere applicato alle scienze umane.

Biodanza® rappresenta la necessità arcaica di rispondere al miracolo della vita ed al piacere di vivere.

Prof. Rolando Toro Araneda

 

This site uses cookies to improve services and experience of readers. If you decide to continue browsing we consider that you accept their use.